Bimby/ Colazione/ Dolci

Crostata con frolla vegana di Montersino

La tua casa, essendo il luogo in cui tu leggi, può dirci qual è il posto che i libri hanno nella tua vita, se sono una difesa che tu metti avanti per tener lontano il mondo di fuori, un sogno in cui sprofondi come in una droga, oppure se sono dei ponti che getti verso il fuori, verso il mondo che t’interessa tanto da volerne moltiplicare e dilatare le dimensioni attraverso i libri. Per capire questo, il Lettore sa che la prima cosa da fare è visitare la cucina. La cucina è la parte della casa che può dire più cose di te.

~ Italo Calvino, Se una notte d’inverno un viaggiatore

Sarà vero? Io credo di sì. Soprattutto le cucine delle food blogger. La mia è spesso in disordine, o meglio, è pulita e ordinata ma c’è un angolino che ospita un mobiletto tutto mio in cui regna il caos. Su di lui poggiano i libri di cucina che uso più frequentemente, innumerevoli riviste, lo scompartimento dei dolci con farine di tutti i tipi, lieviti, frutta secca e tutto il necessaire per i dolci, una piccola bilancia vintage e qualche alzatina. Potrete immaginare come qui regni il caos, io ci provo a tenerlo in ordine ma alla fine ci metto troppo spesso le mani, tanto che appena l’ho sistemato, si crea subito disordine.

La torta di oggi esce proprio da un momento in cui avevo voglia di dolce, senza nessuna idea precisa in testa. Tra i libri sullo scaffale ho trovato quello di Montersino con la sua frolla vegana.
Mai avrei pensato a una frolla senza uova e senza burro ma il risultato mi ha sbalordito. Una crostata rustica, dalla consistenza morbida e dal sapore leggermente meno dolce ma perfettamente bilanciato dalla confettura di prugne.
Provatela e poi ditemi cosa ne pensate!
Crostata con frolla vegana di Montersino
 
Dosi per: uno stampo da 28 cm
Ingredienti
  • 250 g di farina 00
  • 250 g di farina di farro integrale
  • 250 g di zucchero di canna
  • 130 g di acqua
  • 70 g di olio di semi (io di riso)
  • 70 g di olio extravergine d'oliva dal gusto leggero
  • 12 g di lievito per dolci
  • 1 pizzico di semini di vaniglia
  • confettura del gusto che preferite (io prugne)
Preparazione
  1. Sciogliete lo zucchero nell'acqua mescolando bene, unite l'olio, le farine e il lievito setacciati e la vaniglia. Lavorate l’impasto velocemente, formate una palla, avvolgetela nella pellicola trasparente e lasciate riposare in frigo per almeno un'ora.
  2. Stendete l’impasto e disponetelo in uno stampo da crostata ricoperto di carta forno. Punzecchiate la base con i rebbi di una forchetta e lasciate riposare in frigo ancora per 30 minuti circa.
  3. Spalmate di confettura ad un gusto a piacere (io prugne) e fate cuocere in forno caldo a 170°C per circa 30 minuti.
  4. Fate raffreddare completamente la torta prima di sformarla e tagliarla.
  5. L'impasto vi sembrerà morbido, ma raffreddandosi prenderà la giusta consistenza.
  6. PROCEDIMENTO BIMBY:
  7. Mettete zucchero e acqua nel boccale, 1 min 37 gradi vel. 1
  8. Aggiungete entrambi gli olii e la vaniglia, 1 min vel. 2
  9. Unite lievito e le farine, 20 sec vel. 5
  10. Togliete dal boccale, formate una palla e fate riposare l'impasto.
  11. Procedete come sopra.
Con questa ricetta, partecipo al contest : “La Cucina Italiana nel Mondo verso l’Expo 2015”, organizzato da Le Bloggalline in collaborazione con INformaCIBO

You Might Also Like

50 Comments

  • Reply
    La Greg
    18 luglio 2014 at 6:38

    Adoro la crostata perché sa di casa, di sapori autentici e mi ricorda tanto la mia nonna Lucia che ne preparava una speciale.
    Però ora mi tocca preparare la versione Montersino senza uova e burro perché sono curiosissima di assaggiare questa frolla alternativa!
    Un bacione tesoro e buon weekend

  • Reply
    Le Bloggalline
    18 luglio 2014 at 7:29

    Una crostata che sa di casa, di coccole e di buono… Conosco bene questa frolla ed è una delle più buone 🙂 Grazie per averci regalato questa ricetta e in bocca al lupo, Chiara! Baci, Valentina.

    • Reply
      lacucinadellostivale
      21 luglio 2014 at 21:05

      Felice di essere riuscita a partecipare, seppur con una ricetta non propriamente mia! 🙂

  • Reply
    Giulia Cappelli
    18 luglio 2014 at 8:13

    tesoro ma che meraviglia, ma provato ma assolutamente da fare!!!gnammy! perfetta!!! caffè tra poco? buon fine settimana

  • Reply
    Valentina Profumo di cannella e cioccolato
    18 luglio 2014 at 8:59

    io ho provato a sostituire l'olio al burro.. ed era ugualmente buonissima..mantenendo le uovo però.. voglio provare anche la tua versione senza!! segnata e la provo al più presto!! 😉
    baci
    Vale

  • Reply
    Vaty ♪
    18 luglio 2014 at 10:37

    <3 grazie per aver partecipato chiara <3

  • Reply
    Claudia
    18 luglio 2014 at 12:32

    Sai che mi fido di te.. di ciò che posti.. e pure questa stai sicura che la proverò! Io faccio la frolla con olio.. ma con le uova.. senza devo provare!!!! un bacio e buon w.e. 😉

    • Reply
      lacucinadellostivale
      21 luglio 2014 at 21:07

      Grazie Claudia, un abbraccio

    • Reply
      Claudia
      24 agosto 2014 at 15:56

      Fattaaaaaaaaaaaaaaaaaa… mamma mia com'è buona.. sembra ci sia burro ed invece!!!! Grazie per aver postato questa ricetta.. Come pubblico t'avviso :-****

    • Reply
      lacucinadellostivale
      25 agosto 2014 at 6:03

      Grande Claudia!!!! Sono felicissima! :-))

  • Reply
    Valeria Della Fina
    18 luglio 2014 at 12:55

    Che bella crostata, mi segno la ricetta! Un bacione 🙂

  • Reply
    lapetitecasserole
    18 luglio 2014 at 13:20

    É da qualche giorno che mi frulla in testa l'idea di una torta con le prugne. Immagino questa torta, quella fetta in particolare, sapore dolce e "grezzo" della frolla al farro con il sapore aspro delle marmellata di prugne… che meraviglia Chiara!

  • Reply
    Miu Mia
    18 luglio 2014 at 17:34

    Che bella fetta… posso mica rubartela? Vegana poi, non mi sento nemmeno in colpa! XD

  • Reply
    elenuccia
    19 luglio 2014 at 7:12

    Noooooo una frolla senza uova e burro?!??? ma è fantastico! la provo subito subitissimo.
    Le foto sono stupende, proprio stupende.

  • Reply
    Francesca P.
    19 luglio 2014 at 9:09

    La cucina è il cuore della casa, dove mettiamo a nostra volta un pezzetto del nostro cuore. Sono d'accordo con Calvino, si segue l'odore del cibo e delle pagine che sfogliamo e… ci si svela un po'.
    Vorrei avere una fetta della tua crostata in questo momento e scommetto che se non avessi detto che è senza uova e burro non me ne sarei accorta…

    • Reply
      lacucinadellostivale
      21 luglio 2014 at 21:13

      invece secondo me te ne saresti eccome ma saresti comunque rimasta piacevolmente colpita da questa frolla cosi leggera ma cosi buona… 🙂

  • Reply
    conunpocodizucchero Elena
    20 luglio 2014 at 6:04

    ho sempre amato Calvino, e oggi mi si rinforza l'idea del perchè!
    mi incuriosisce da matti qst frolla, appena la provo ti avviso! 😉

  • Reply
    Mimma e Marta
    20 luglio 2014 at 20:11

    Da quanto vogliamo provare la frolla vegana di Montersino! La prossima crostata la facciamo così 🙂

  • Reply
    Monica Zacchia
    21 luglio 2014 at 11:51

    frolla di montersino A ME! quando leggo queste due parole insieme accorro come una malata … che meravigliosa coccola è la prima foto con la fetta sui quadrotti del tovagliolo. La cosa più difficile da sostituire, a detta del Maestro, in pasticceria sono proprio le uova. Quindi sarà una garanzia se lui ha decretato questa ricetta, immagino già con calcoli e assiomi astrusi che lui fa sempre capire benissimo! La mia cucina è il mio regno, quindi chi mi vede capisce che sono una regina?!?!? ahahhahaha scherzi a parte è vero verissimo, non posso esimermi dal visitare la cucina di una casa, fosse anche l'unica stanza che vedo, quella deve essere aperta al mio sguardo, perchè tanto si capisce come scrivi tu. I libri li ho dovuti spostare da lì però, troppe farine, caccavelle stampi come saprai bene… un bacio grande tesoro!

    • Reply
      lacucinadellostivale
      21 luglio 2014 at 21:15

      Ah Moni tu si che sei una regina….e sicuramente tu e Montersino andate piu d'accordo di me e lui pero' devo dire che lo sto scoprendo piano piano…un bacione mony

  • Reply
    Peanut
    21 luglio 2014 at 15:31

    Purtroppo vivendo ancora con i miei non posso parlare di una "Mia" cucina, non sento che mi rispecchi, non la arrederei nè organizzerei mai nel modo in cui è, anche se posso comunque ritenermi fortunata di avere il mio angolino che ospita tutti i miei prodotti (semi, frutta secca, farine e ingredienti che mia mamma definisce "strani", anche se ultimamente la sto portando al lato oscuro..:D) e miei attrezzi per i dolci, che però non sono mai abbastanza, ma devo saper bilanciare l'esigenza e l'istinto con la necessità di vivere serenamente in famiglia 😀
    Che dire della frolla, sono ben felice che tu ti sia ricreduta, io lo dico sempre che le uova si possono sostituire tranquillamente! 😉
    Secondo me la crostata è anche difficile da fotografare, quindi complimenti anche per le foto!
    un bacio Chiara, a presto!

    • Reply
      lacucinadellostivale
      21 luglio 2014 at 21:17

      cara peanut oggi pensavo al fatto che non potrei mai rinunciare completamente alle uova pero' vero è che anche senza i dolci escono comunque buonissimi!!

  • Reply
    Sara e Laura-PancettaBistrot
    21 luglio 2014 at 18:05

    Anche per noi è verissima la frase di Calvino!!La cucina è il luogo più accogliente della casa, quello che più racconta della nostra personalità e del nostro amore verso il cibo che è vita… Splendida frolla senza uova!!! Assolutamente da segnare!!Grazie per questa ricetta:)

  • Reply
    Ileana Pavone
    22 luglio 2014 at 11:52

    Sarà che non ho mai amato i dolci burrosi, ma io le frolle vegane le preferisco sempre a quelle classiche 🙂
    Questa di Montersino la provai anche io e ricordo che era molto buona! Trovo che le frolle senza uova e burro siano più saporite, ma io amo i sapori rustici ^_^
    La tua è venuta benissimo, bravissima cara :***

  • Reply
    latanadelriccio
    22 luglio 2014 at 11:57

    Moolto interessante! Quasi quasi la provo per la prossima volta che ho invitati abituati ai gusti zuccherosi.
    Per quanto riguarda la citazione di Calvino.. beh mi trovo perfettamente d'accordo! Bellissima 😀
    PS: se ti capita accenna al mio moroso di quanto sia indispensabile un'alzatina per una foodblogger 😉 mi ha vietato di comprarne una! hahahha

    • Reply
      lacucinadellostivale
      22 luglio 2014 at 21:28

      hahaha ma certo, adesso vado subito a cercare un articolo che parla di alzatine… 😉

    • Reply
      latanadelriccio
      23 luglio 2014 at 5:44

      hahaha, mitica!
      per il momento aspetto a risponderti su facebook.. 😉

  • Reply
    Monica Giustina
    23 luglio 2014 at 14:15

    Accidenti, questa è assolutamente da provare, super invitante e per una sister che non approva le proteine animali è il regalo perfetto!
    Concordo sull'introduzione, le nostre cucine hanno un qualcosa di unico e magico, che ci contraddistingue!

  • Reply
    Claudia
    15 settembre 2014 at 7:56

    Eccomi qui.. pubblicataaaaaaaaaaaaaaaa :-*

  • Reply
    Crostata con crema pasticcera alle mandorle e pesche caramellate | In Cucina Con Marina: piatti vegan e racconti
    22 giugno 2015 at 15:55

    […] ci sarà un’altra occasione! Per la base ho usato la ricetta di Montersino, trovata su questo sito, alla quale ho apportato alcune modifiche. La dose viene indicata per una teglia da 28, ma è […]

  • Reply
    Maria
    5 luglio 2016 at 17:43

    Ottima la frolla.Forse da ridimensionare le dosi.Con 500g di farina si ottengono 2 crostate.E’possibile conservare l’impasto in frigorifero?

    • Reply
      Chiara
      8 luglio 2016 at 19:22

      Hai ragione..in realta dipende anche da quanto la fai sottile o spessa. Io di solito se avanza dell’impasto lo metto in frigo o lo congelo!

  • Reply
    Chiara
    8 luglio 2016 at 17:54

    Mhmhm,sembra molto buona!! Purtroppo non ho in casa la farina di farro integrale, se mettessi semplicemente farina integrale dici che verrebbe buona comunque?

    • Reply
      Chiara
      8 luglio 2016 at 19:23

      Assolutamente si! 🙂 però mettici comunque anche la farina 00 perché altrimenti viene troppo amarognola..

      • Reply
        Chiara
        8 luglio 2016 at 19:56

        Ok, grazie mille, proverò!!?

  • Reply
    Carla
    23 marzo 2017 at 13:09

    Ma posso utilizzare metà farina di grano saraceno e metà farina integrale di teff o la classica integrale ? Sembra ottima questa ricetta … Voglio provarla … !!! Grazie

  • Leave a Reply

    Rate this recipe:  

    CONSIGLIA Risotto al salto